La pelle e le sue varie tipologie

La pelle deve essere considerato un vero e proprio organo che non solo riveste tutto il nostro corpo, ma ci delimita e definisce anche come persona singola.

La pelle svolge diverse funzioni: protegge il nostro corpo dagli agenti esterni, tramite i suoi recettori si rapporta con l’ambiente esterno, regola la nostra temperatura, elimina tossine e scorie in circolo e per ultimo comunica le nostre emozioni. Inoltre, la pelle anche la nostra carta d’identità, se così vogliamo dire, in quanto su di essa possiamo leggere le nostre condizioni di salute e la nostra età.

Struttura della pelle

I tre strati principali che formano la nostra pelle sono:

Epidermide: lo strato più superficiale della cute, quello che si vede per capirci. Serve a proteggere il nostro corpo dal contatto con l’esterno.

Derma: si tratta di un tessuto connettivo per la maggiore composto di elastina, acido ialuronico e collagene. La sua funzione è quella di dare elasticità, compattezza, colorito e tono alla pelle.

Ipoderma: si tratta di un tessuto adiposo e si trova nello strato più profondo. Ha la funzione di mantenere costante la temperatura corporea e disegnare la forme del corpo.

La pelle non è uguale in tutto il corpo, in quanto struttura e Ph cambiano, e cambia da uomo, donna e bambino necessitando perciò di trattamenti diversi.

Soprattutto per quanto riguarda il viso possiamo evidenziare diversi tipi di pelle determinati a loro volta da alcuni fattori come l’Acqua, Lipidi e Sensibilità dove il loro giusto equilibrio determina la salute della pelle.

La pelle e le sue varie tipologie

Le varie tipologie di pelle

La pelle del viso è la zona tra le più sensibili, la più esposta ai fattori ambientali ed atmosferici in quanto lasciata sempre scoperta. L’aspetto della pelle nel volto svela immediatamente il nostro stato di salute in generale, e anche la nostra tipologia di pelle.

Possiamo distinguere 4 principali tipologie di pelle:

Normale: questa tipologia non la inserirei dentro in quanto è molto difficile trovare in un adulto una condizione di questo tipo. Possiamo definirla una pelle ideale che appare tonica, luminosa e liscia al tatto senza imperfezioni.

Secca: si tratta di una pelle incapace di trattenere l’acqua facendola evaporare e portando come conseguenze disidratazione, screpolature, sensibilità e secchezza. Il film idrolipidico è ridotto ed espone con più rischi la pelle agli agenti esterni. Tende all’invecchiamento precoce e deve essere mantenuta idratata ogni giorno oltre che ad integrare una buona quantità di liquidi.

Grassa: è una pelle ricca di ghiandole sebacee che producono sebo in quantità superiore. Riconoscibile dalla zona T (fronte, naso, mento) lucida ed oleosa. Presenza di punti neri e pori dilatati. La nota positiva è che non tende alle rughe e all’invecchiamento. Questa tipologia di pelle deve essere “curata” con detergenti cui all’interno troviamo sostanze purificanti (es: limone, bardana, tea tree…).

Mista: questa tipologia di pelle è la più comune. Generalmente si ha la zona T lucida e le altre zone più secche. Le zone oleose devono essere trattate con pulizia frequente, mentre le zone secche necessitano di una profonda idratazione e nutrimento. Con questa tipologia dobbiamo lavorare a zone e cercare di riequilibrare il film idrolipidico.

Sensibile: si tratta di una pelle irritabile, secca, molto delicata. Tutti possiamo avere una pelle sensibile, ricordiamoci sempre che la pelle cambia e non è mai uguale. Vuoi i cambi di stagione, particolari momenti della vita, momenti di forte stress, il ciclo stesso per le donne, gli sbalzi climatici. Tutti questi fattori determinano una sensibilità maggiore della pelle che può colpire tutti.

La pelle del viso e le sue tipologie

Se si vuole mantenere un viso dall’aspetto giovane, una buona compattezza dei tessuti e un buon grado di idratazione e nutrimento è bene sempre seguire delle corrette routine di bellezza giornaliere e avere sempre una buona alimentazione. Ricordiamoci anche che con l’età l’epidermide perde la naturale capacità di rigenerare le cellule e questo porta alla formazione di rughe. Anche l’inquinamento ambientale unito allo stress favoriscono la formazione di radicali liberi nemici della pelle.

Possiamo unire a queste tipologie anche:

Pelle Uomo: la pelle dell’uomo ha una struttura diversa nella quale si ha una concentrazione maggiore di collagene e fibre. Tende a produrre più sebo e ad avere i pori più dilatati e più impurità. Non utilizzando poi cosmetici per il viso cari maschietti potreste andare incontro ad un invecchiamento più rapido.

Pelle Bambino: la pelle dei bimbi è delicatissima in quanto l’epidermide è sottile, ha basse difese immunitarie ed è più a rischio contro agenti esterni. Si arrossa facilmente e per questo è bene utilizzare cosmetici estremamente delicati.

Come possiamo notare da queste piccole indicazioni ognuno di noi presenta varie caratteristiche di pelle che per essere mantenuta sana deve seguire piccole ma fondamentali regole dove unite ai giusti prodotti cosmetici possono aiutarci tantissimo!ì

Un caro saluto, Elysa.

Segui Elysa anche sul suo Blog e sui suoi profili social:

BLOG www.amodotuoelysa.it

YOUTUBE https://www.youtube.com/channel/UC4BZ-LADijM01SdbuRY2a1Q

INSTAGRAM https://www.instagram.com/amodotuoelysa/

FACEBOOK  https://www.facebook.com/amodotuoelys

GRUPPO FACEBOOK https://www.facebook.com/groups/1931083927170994/

 

 

Scopri tutti i prodotti dedicati alla cura tua pelle del laboratorio artigianale di cosmesi naturale de Il Pettirosso